Premiazione ricercatrice Termolese
COMUNICATO STAMPA







Termoli lì 28/09/2007





La ricercatrice Marone Daniela, laureata in Scienze Biologiche presso l’Università degli studi di Bari, e residente a Termoli, è stata premiata al Convegno Nazionale di Genetica Agraria che si è svolto a Riva del Garda dal 23 al 26 settembre.

Attualmente la giovane ricercatrice lavora presso il C.R.A - Centro di ricerca per la Cerealicoltura, sezione di Foggia.



Le attività del C.R.A: www.cerealicoltura.it/sezioni/foggia



Attività di ricerca del Centro:

- miglioramento genetico del frumento duro e costituzione di nuove varietà

- valutazione di grani e farri da impiegare come alimenti funzionali

- selezione di genotipi di frumento duro con elevata qualità tecnologica e con resistenza a stress da patogeni e stress ambientali

- analisi del genoma di frumento duro per l’identificazione di geni utili per migliorare la tolleranza a carenze idriche e salinità e per la difesa da patogeni



Ogni anno si svolge a Settembre un Convegno di Genetica Agraria organizzato dalla S.I.G.A (Società di genetica Agraria) al quale partecipano tutti i ricercatori italiani che operano nel settore delle piante agrarie, forestali e ornamentali.

Il convegno è organizzato in due sessioni: comunicazioni orali e poster (rappresentazioni grafiche dei progetti di ricerca).

Il presidente della SIGA seleziona tra diverse centinaia di poster presentati da giovani ricercati con un’età inferiore ai 35 anni, quelli di particolare interesse e considerati i più meritevoli di un premio.

Quest’anno i partecipanti erano 350 ricercatori italiani.




Ogni anno durante la cena sociale, in presenza della commissione giudicatrice, vengono premiati per il lavoro svolto 11 giovani ricercatori che ricevono una borsa di studio di 250 euro.



“Il mio progetto di ricerca, afferma la dott.ssa Daniela Marone, è volto allo sviluppo di una mappa genetica in frumento duro che indica la posizione e l’ordine di tutti i geni all’interno del suo genoma.

Questo rappresenta il primo passo per studiare le basi genetiche della resistenza del frumento duro ad un patogeno, agente causale della ruggine bruna.

La ruggine bruna è una delle principali malattie che colpiscono il frumento e causa ogni anno perdite nella produzione anche superiori al 50% della produzione totale.

Quindi noi cerchiamo di identificare quei geni che sono coinvolti nella risposta della pianta in seguito all’infezione da parte di questo patogeno per poi trasferirli nelle varietà altamente suscettibili”.




Postato il: 30/09/2007 - ore 14:30:27
postato da : Confesercenti @


Popular tags