Sindaco di Santa Croce è favorevole all'installazione di una centrale Nucleare
Il Sindaco di Santa Croce e l'amministrazione tutta si dichiara favorevole all'energia nucleare, proponendo addirittura il proprio territorio per l'installazione della nuova centrale che dovrà sorgere a Termoli.

I cittadini e tutti i molisani sono rimasti allibiti da tali dichiarazioni.
Non ci stupirà se il governo per non scontentare i due comuni molisani proponga due centrali invece di una prevista, un taglio alla regola si può sempre fare, così tutti e due i sindaci saranno contenti.
Questa sì che è democrazia!!!!!

Come approfondimento propongo un articolo di Antonio fasciano apparso sul suo blog:


"IL RE FLORIO FAVOREVOLE ALL'ISTALLAZIONE DEL MOSTRO NUCLEARE NELLA SUA SANTACROCE DI MAGLIANO.
GLI ABITANTI SONO INFEROCITI, MA QUELLO CHE DICE IL RE E' LEGGE........ALLA FACCIA DELLA DEMOCRAZIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

E’ buffo come il consiglio comunale di Santa Croce di Magliano, ieri, abbia aperto i...l dibattito con un primo punto tutto dedicato al sociale e come poi abbia spiacevolmente censurato la delicata questione di uno dei temi sociali più attuali e urgenti sulla scena internazionale: la questione del nucleare.
Lo ha fatto attraverso il dubbio strumento della cosiddetta pregiudiziale, atto amministrativo previsto dall’art.57 del regolamento sul consiglio che ha ritenuta pretestuosa, inutile e infodata la discussione ed ha sancito il ritiro del punto all’ordine del giorno.
Una vile scappatoia che ha creato indignazione non solo all’interno dell’agguerrita minoranza , ma soprattutto tra il gremito pubblico, accorso stranamente numeroso proprio in ragione di un curioso interesse verso il punto omesso.
Un vero e proprio colpo di scena, inaspettato, che non ha fatto altro che acuire le già tante polemiche relative alle un po’ affrettate dichiarazioni del Sindaco che, in contrasto con la posizione della regione e di altre ben 14 regioni d’Italia, si era dichiarato favorevole al nucleare ed all’eventuale istallazione di una centrale anche nel nostro territorio.
Alberto Florio con l’appoggio della sua maggioranza aveva già precedentemente negato la possibilità di discuterne ai due gruppi della minoranza che, compatti, avevano addirittura fatto richiesta di un consiglio monotematico sulla questione, proprio in ragione della sua rilevanza politico-sociale.
La maggioranza ha così impedito ancora una volta una democratica discussione sul tema, un gesto giustamente reputato antidemocratico e irrispettoso che va aldilà della scelta politica e che giustifica i toni dell’attacco dell’opposizione.
Toni duri contro la negazione di un dialogo che non è solo ad appannaggio degli addetti ai lavori o degli uomini di scienza, ma anche di quegli artigiani che forgiano e modellano il nostro territorio con le loro idee e con la loro partecipazione…e quegli artigiani siamo tutti noi! "




Postato il: 25/11/2009 - ore 00:06:07
postato da : Stenton @


Popular tags