Ancore minacce al cronista di primonumero Michele Mignogna

Michele Mignogna oggetto di nuove intimidazioni, ricordiamo che il giornalista è stato protagonista dell'inchiesta sullo smaltimento dei rifiuti pericolosi a Temoli, non manchiamo di far sentire la nostra vicinanza a colui che ha reso termoli un città più pulita.
Forse a qualcuno non è andato giù di aver perso milioni di affari!


"Esprimiamo la mostra solidarietà a Michele Mignogna, collega di primonumero.it, ancora una volta oggetto di minacce per la sua coraggiosa attività di cronista al sevizio della verità e dei cittadini.
Già in passato Mignogna è stato oggetto di atti intimidatori.
Gli furono tagliate le gomme dell’auto e inviati messaggi sms sul celullare con minacce pesanti e allarmanti.
Lunedì 13 giugno 2011 il collega ha trovata sulla scala d’ingresso della abitazione in cui risiede a Larino un sacchetto di plastica blu che conteneva una testa di capretto e un biglietto sul quale erano scritte frasi offensive e minacciose.
Ci appelliamo alla Magistratura di Larino affinché tempestivamente individui il responsabile o i responsabili.
Ci appelliamo alle Forze dell’Ordine affinché  indaghino  a fondo, senza tralasciare alcun dettaglio.
A Michele vogliamo dire che saremo sempre al suo fianco.


Francesco Casale – Direttore caffemolise.it


Gli altri messaggi di solidarietà


Giuseppe Di Pietro, Presidente dell’Assostampa Molise


“Le intimidazioni a Michele Mignogna sono la risposta malavitosa al giornalismo d’inchiesta del collega e della testata web Primonumero.
Evidentemente, la pentola scoperchiata sul malaffare e sugli intrecci tra politica e pseudo imprenditori nel Basso Molise lede interessi corposi, che spingono taluni vigliacchi a spedire sms minatori ed a recapitare a casa del collega i resti del cranio di un ovino.   L’Associazione della stampa del Molise ribadisce, ancora una volta, la vicinanza a Mignogna ed alla redazione, nella convinzione che il loro lavoro e la loro determinazione non saranno minati da questi episodi.
L’auspicio è che la comunità regionale tutta reagisca perchè il sistema democratico, le istituzioni ed il mondo economico hanno bisogno dell’informazione libera nella denuncia e nella difesa della legalità”.


Federazione di Campobasso – Giovani Democratici


Tutti i Giovani Democratici del Molise esprimono solidarietà al giornalista Michele Mignogna, vittima di un gravissimo atto intimidatorio di stampo mafioso, e gli sono grati per la dedizione e l’onestà con cui svolge il proprio lavoro di giornalista.
Inviare sms minatori, tagliare le gomme dell’auto, recapitare a casa di un giornalista una testa di capretto, sono episodi a cui i cittadini molisani onesti hanno in dovere di reagire, stringendosi intorno a Michele Mignogna ed ai giornalisti che ogni giorno fanno il proprio dovere, ma soprattutto  denunciando  tutti i comportamenti criminali e mafiosi, a cominciare dai piccoli tentativi di intimidazione e prevaricazione.
E’ una battaglia di legalità, ma è soprattutto una battaglia di democrazia che tutti noi dobbiamo combattere per affermare il nostro diritto ad essere cittadini e non più sudditi.


Il Consiglio Regionale del Molise


Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la mozione presentata da Massimo Romano e Michele Petraroia per esprimere solidarietà e vicinanza al giornalista Michele Mignogna.
Ecco il testo:
Il Consiglio Regionale del Molise visto l’ennesimo vergognoso ed ignobile atto intimidatorio di stampo mafioso subìto dal giornalista Michele Mignogna avvenuto nella giornata di ieri, lunedì 13 giugno 2011, considerato che  non è la prima volta che Michele Mignogna subisce tali vergognose minacce, che offendono il ruolo del professionista impegnato in inchieste giornalistiche che hanno portato alla luce episodi successivamente attenzionati anche dalla magistratura e dagli organi di polizia giudiziaria, nonché minacciano la libertà e la serenità dell’uomo esprime solidarietà e vicinanza alla persona e al giornalista Michele Mignogna e condanna ogni forma di violenza e ogni atto mafioso di intimidazione, in particolare di quelli rivolti ai giornalisti che svolgono un ruolo fondamentale per la libertà e per la democrazia"


articolo estratto d a caffe molise





Postato il: 15/06/2011 - ore 09:17:32
postato da : Stenton @


Popular tags